Cosa vedere a Parigi in 2 giorni

2 giorni non c’è dubbio, sono pochi per visitare Parigi, città piena di monumenti storici, attrazioni iconiche, i suoi imperdibili caffè e le sue meravigliose piazze.

Però se 2 giorni sono tutto il tempo che hai a disposizione da dedicare alla città, cercherò di non farti perdere neppure una delle attrazioni principali da vedere, i must parigini.

Abbiamo solo 2 giorni per cui iniziamo subito!

  • Giorno 1: Ile de la Cité, Notre Dame, Sainte Chapelle, Museo del Louvre, Champs Elysées, Arco di Trionfo
  • Giorno 2: Trocadero, Torre Eiffel, Museo d’Orsay, Montmartre e Basilica del Sacro Cuore, Moulin Rouge

Giorno 1 a Parigi: Ile de la Cité, Notre Dame, Sainte Chapelle, Museo del Louvre, Champs Elysées, Arco di Trionfo

Alzati di buon’ora e dirigiti verso l’Île de la Cité. Prendi la metro color magenta linea 4 e scendi a Cité.

Recati a Notre Dame, che come ben saprai non è visitabile a causa dello spaventoso incendio che l’ha gravemente danneggiata nel 2019.

Dovrebbe riaprire l’anno prossimo, nel 2024, in tempo per le Olimpiadi. Il 2024 sarà un anno eccezionale per Parigi perché riaprirà anche il Grand Palais, attualmente chiuso per ristrutturazione.

Ma torniamo a noi. Una volta che avrai fatto le foto della Cattedrale di Notre Dame dall’esterno, rimani sempre su quest’isola e dirigiti ad un’attrazione imperdibile: la Sainte Chapelle.

Sainte Chapelle

Le bellissime vetrate della Sainte Chapelle, probabilmente le più belle al mondo
Le bellissime vetrate della Sainte Chapelle, probabilmente le più belle al mondo

Per l’ingresso puoi fare un biglietto cumulativo sia per la Sainte Chapelle che per la Conciergerie



La Sainte Chapelle è una piccola meraviglia gotica realizzata in poco meno di tre anni per volere di Luigi IX, che qui aveva intenzione di custodire tutte le sue preziose reliquie religiose.

La chiesa non è molto grande, ma la sua raffinatezza artistica vale bene una visita. Come puoi vedere dalle foto custodisce le vetrate più belle al mondo.

La visita alla Sainte Chapelle richiede circa un’ora.

Lasciato questo edificio, dirigiti verso la Conciergerie, che trovate a pochi metri dal Palazzo di Giustizia.

Conciergerie

Visitare la Conciergerie, Parigi
Visitare la Conciergerie, Parigi

La Conciergerie fu concepita come palazzo reale, ma venne ben presto abbandonata per Versailles e divenne così una prigione di stato.

Qui si sono succeduti numerosi eventi relativi alla Rivoluzione Francese, soprattutto interrogatori e torture.

Il piano inferiore è oggi una sala dedicata a mostre, ma al piano superiore si possono vedere alcune celle aperte e allestite secondo ricostruzione storica con tanto di manichini.

Sempre al piano superiore si può inoltre seguire la storia di tutta la Rivoluzione e del successivo periodo del Terrore grazie a un piccolo museo. Molto bello il cortile esterno.

Ile de la Cité si trova proprio al centro di Parigi, infatti vicino a Notre Dame c’è il punto zero, quello da cui vengono conteggiate tutte le distanze in Francia, quindi non ti sorprenda che anche il Museo del Louvre disti poco più di un chilometro da questa zona.



Però prima di andare al Louvre ti consiglio di mangiare qualcosa così da visitare le bellissime opere che espone con la pancia piena.

Sarà circa mezzogiorno e ti consiglio di immergerti in questa breve avventura parigina, anche dal punto di vista culinario.

Vicinissimo alla fermata della Metro Louvre-Rivoli c’è un buon ristorante francese che apre dalla mattina presto; si chiama Le Fumoir e propone anche dei menu a prezzi fissi da circa €30.

Si trova ad appena 100 metri dal Louvre, per cui appena avrai finito di pranzare dirigiti subito alla visita del Museo.

Museo del Louvre

Visitare il Museo del Louvre è una delle cose da vedere a Parigi in 2 giorni di vacanza
Visitare il Museo del Louvre è una delle cose da vedere a Parigi in 2 giorni di vacanza

Visitare il Museo del Louvre in poche ore non è semplice. Infatti parliamo di un museo immenso, gigante con oltre 35.000 opere.

Però a meno che tu non sia un critico d’arte, sono sicuro che ti interesserà vedere solo le opere principali.

ll Louvre è diviso in 3 ale principali:

  • L’ala Denon
  • L’ala Richelieu
  • L’ala Sully
Mappa del Louvre: come visitarlo
Mappa del Louvre: come visitarlo

Le opere più famose come la Gioconda, La Vénus di Milo, La libertà che guida il popolo di Delacroix, la Nike di Samotracia, Amore e Psiche di Antonio Canova si trovano tutte nella zona Denon, tra il primo e il secondo piano.

Nella zona Sully si trova tutta l’arte dedicata all’Antico Egitto.

Nella zona Richelieu, sono esposte opere bellissime però meno conosciute.

Ti consiglio assolutamente di acquistare anticipatamente i biglietti così da saltare la fila.

Ricorda che il Louvre è chiuso il martedì!

La visita del Louvre concentrandoti sulle opere principali ti prenderà circa 3 ore, per cui c’è ancora buona parte del pomeriggio per continuare la visita di Parigi.



La prossima destinazione sono gli Champs-Elysées e l’Arco di Trionfo.

Puoi scegliere se andare a piedi (dal Louvre fino all’Arco di Trionfo sono circa 3 km per una passeggiata di 45 minuti) o prendere il metro.

Io ovviamente ti consiglio di fare una passeggiata, perché uscendo dal Louvre ci sono delle attrazioni imperdibili come il Jardin des Tuileries e la bellissima Place de la Concorde con l’obelisco di Luxor.

Se vuoi prendere la metro: dalla stazione Palais Royal-Musée du Louvre prendi la linea 1 e scendi alla stazione Roosevelt, più o meno a metà negli Champs-Elysées. Da qui sono circa 15 minuti per arrivare all’Arco di Trionfo.

Noi continuiamo a piedi 🙂

Jardin des Tuileries

Jardin des Tuileries, Parigi
Jardin des Tuileries, Parigi

Terminata la visita, prenditi una pausa e dirigiti, passando sotto l’Arco di Trionfo del Carosello, verso il Jardin des Tuileries.

Riprendi il percorso e vai verso Place Vendôme, la piazza ottagonale dove potrai trovare boutique raffinate e, soprattutto, incantevoli gioiellerie.

Ammira la Colonna Vendôme, mirabile esempio di arte a tutto tondo che raffigura le vittorie di Napoleone nel periodo che va dal 1805 al 1807.

Se hai voglia dedicati ad un po’ di shopping e poi prosegui in direzione di Place de la Madeleine. Qui potrai concederti un break ed assaporare i prodotti tipici della regione parigina, senza contare che sei anche nel posto giusto per acquistare prelibatezze culinarie francesi da portare a casa con te. 

Sempre su Place de la Madeleine non mancare una visita alla chiesa omonima, e concediti qualche minuto per apprezzare il panorama che si ha dalle scale antistanti, che permettono di vedere fino a Place de la Concorde con l’Obelisco che svetta sul fondo.

Segui la strada, e dirigiti proprio in piazza della Concordia, chiamata in questo modo benaugurale solo dopo il periodo del Terrore, che la vide teatro della maggior parte delle esecuzioni capitali.

Dopo Place de la Concorde iniziano gli Champs Elysées.

Champs Elysées

Camminare sugli Champs Elysées è un'esperienza che bisogna sempre fare
Camminare sugli Champs Elysées è un’esperienza che bisogna sempre fare

Sugli Champs Élysées lungo il viale alberato: qui potrai trovare ogni sorta di negozio di griffes esistenti, per cui se il tuo budget te lo consente, è il posto giusto per lo shopping!

Prosegui a piedi in direzione Place Charles de Gaulle e sali sulla sommità dell’Arco di Trionfo: la vista da qui è davvero eccezionale, poiché sei in un punto nevralgico della città, dalla quale si dipanano a raggiera le strade principali.

Se sei amante della fotografia, questo è il posto ideale per scattare ritratti singolari della città, con la Tour Eiffel a un passo e l’estroso ingresso della Défense, il quartiere “nuovo” di Parigi, alle vostre spalle. 

Se hai un Paris Museum Pass, l’ingresso all’Arco di Trionfo è incluso.

Giorno 2 a Parigi: Trocadero, Torre Eiffel, Museo d’Orsay, Montmartre e Basilica del Sacro Cuore

È il secondo e ultimo giorno a Parigi, per cui è meglio iniziare subito la giornata.

La prima attrazione è il Trocadero. Se non hai l’hotel in zona puoi prendere la metro 6 o 9 e scendere proprio alla stazione Trocadero.

Il Trocadero è un bellissimo complesso con musei, i suoi bellissimi giardini, ma in 2 giorni ovviamente non si fa in tempo a fare tutto.

Allora puoi sfruttare la visita del Trocadero per fare delle bellissime foto con la Torre Eiffel sullo sfondo.

Ammirare la Torre Eiffel dal Trocadero
Ammirare la Torre Eiffel dal Trocadero

Continua la camminata passando dai giardini e attraversando la Senna dal Pont d’Iéna. Da qui partono anche i bellissimi giri sulla Senna.

Però ovviamente la Torre Eiffel è la priorità su tutte le altre attrazioni.

Il prezzo d’ingresso è modulato a seconda del piano prescelto: io ti consiglio di salire fino in cima per meglio poter apprezzare il panorama e, magari, concedersi un momento romantico sorseggiando una flûte di champagne sul monumento più famoso della città.

Se hai la possibilità economica, regalati anche un pranzo al ristorante della Tour Eiffel, da Madame Brasserie (ex 58 Tour Eiffel). Il costo per un pranzo è di circa €57 a persona.

Dopo la visita, concediti qualche minuto di relax al Parc du Champ de Mars, da dove potrai fare delle bellissime foto con in prospettiva la Tour Eiffel. 

Ora puoi decidere se fare una crociera sulla Senna, che come ti ho detto partono vicinissime alla Torre Eiffel oppure andare a visitare il bellissimo Museo d’Orsay, uno dei più belli al mondo dedicato all’impressionismo.

Crociere sulla SennaGuarda quelle consigliate

Per arrivare al Museo d’Orsay dalla Torre Eiffel puoi prendere la RER C dalla stazione Champ de Mars-Eiffel Tower e scendere proprio alla stazione Musée d’Orsay, così arriverai in pochi minuti.

Museo de Orsay

Il Museo d'Orsay è ospitato nell'ex stazione Gare d'Orsay
Il Museo d’Orsay è ospitato nell’ex stazione Gare d’Orsay

Se ami la arte e in particolare modo ti piace l’impressionismo allora sei nel posto giusto, nel museo più importante al mondo per l’arte impressionista.

Nel Museo d’Orsay potrai ammirare alcune delle opere principali di Van Gogh, di Renoir, di Cezanne, di Gaugin e tanti altri ancora.

Il percorso espositivo del Museo d’Orsay si articola su tre livelli. 

È stata utilizzata la navata centrale, dove correvano i binari per i treni, come elemento principale da cui si sviluppano passaggi e terrazze, i quali permettono ai visitatori di passare da un padiglione all’altro, dove sono contenute le opere, che vanno dall’inizio della Seconda Repubblica (1848) all’inizio della prima guerra mondiale (1914).

Terminata la visita al Museo d’Orsay prendi la metro 12 dalla vicina stazione Assemblée Nationale e scendi alla stazione Abbesses per visitare il favoloso quartiere di Montmartre.

Montmartre

La bellissima Place du Tertre e sullo sfondo la Basilica del Sacro Cuore
La bellissima Place du Tertre e sullo sfondo la Basilica del Sacro Cuore

La stazione Abbesses ti lascia proprio nel cuore di Montmartre.

Prendi la funicolare e dirigetevi verso la Basilica del Sacre Coeur.

L’ingresso è gratuito, ma è previsto il pagamento di un biglietto se vuoi visitare anche la cripta (in verità poco interessante), oppure per salire in cima alla chiesa, con la possibilità di ammirare la campana più grande di Francia.

Siccome il tempo a disposizione è poco, ti consiglio di visitare solo la chiesa e di fotografare il panorama dal piazzale sottostante la basilica, che dalla Butte di Montmartre permette una visuale magnifica di Parigi. 

Visita Place du Tetre, un tempo centro del villaggio rurale di Montmartre ed oggi affollata di turisti e ritrattisti.

Se vuoi un ritratto o una caricatura personalizzata (prima chiedi il prezzo) e segui la strada che ti condurrà verso la Vigna del quartiere con sullo sfondo il Museo di Montmartre.

Quest’ultimo si trova all’interno della villa più antica del quartiere, realizzata intorno al XII secolo, e che oggi ospita documenti, litografia e fotografie della vita bohemienne che qui si respirava un tempo. 

La vigna è, invece, uno dei pochissimi esempi di ruralità passata sopravvissuti in zona. Ancora oggi si compie la vendemmia che dà, solitamente, poco meno di 900 bottiglie di vino all’anno, durante un rituale che sa ancora di festa di paese. Le bottiglie vengono poi vendute all’asta e il ricavato diviso fra le famiglie meno abbienti del quartiere.

Subito di fianco alla Vigna, puoi ammirare il più antico cabaret della città, Au Lapin Agile, rimasto ancora immutato nella sua bellezza di semi diroccata casa di campagna. Qui non viene servita la cena, ma è possibile prenotare lo spettacolo che include anche un drink.

È bene farlo con largo anticipo dal sito ufficiale

Continua la tua passeggiata verso rue Lepic, dove al numero 54, al terzo piano, vi è la casa che un tempo fu del fratello di Vincent Van Gogh, dove lo stesso artista visse per due anni, dal 1886 al 1888.

Sempre sulla stessa strada, proseguendo, troverai il Café des Deux Moulines, location di lavoro della protagonista del film “Il meraviglioso mondo di Amélie”. 

Arriva sul Boulevard de Clichy ed immergiti adesso nelle luci e nelle vetrine del quartiere hot della città.

Se viaggi con bambini a seguito, la scelta di passeggiare lungo questa zona è a tua discrezione, anche se sono tantissime le famiglie di turisti che incontrerai. 

Prosegui verso il celeberrimo Moulin Rouge.

Se intendi trascorrere qui la serata, ti raccomando (anche qui!) di prenotare con largo anticipo, soprattutto nei periodi di alta stagione. 

 

Crociera sulla Senna con Bateaux Mouches!

Non perdere il più classico dei tour di Parigi.

A €15 solo online. Completamente rimborsabile!

Acquista i biglietti


Le attività preferite dai lettori di SognandoParigi.it



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *